skip to Main Content
800.14.66.68 info@aifesformazione.it
Cassazione Penale, Sez. 4, 03 febbraio 2016, n. 4501 - Mano nell'impastatrice senza protezioni
Infortunio occorso ad un lavoratore addetto al controllo manuale dell'impasto con impastatrice in movimento secondo una prassi avallata dal datore di lavoro
Cassazione Penale, Sez. 4, 21 gennaio 2016, n. 2539 - Responsabilità del DTC
Responsabilità del Direttore Tecnico di Cantiere (in qualità di dirigente) per infortunio occorso a capocantiere.
Cassazione Penale, Sez. 4, 30 dicembre 2015, n. 51190 - Responsabilità del committente
Responsabilità del Committente (anche in presenza di CSE) per la morte di un lavoratore caduto all'interno di un fossato della profondità di mt. 3,80, frapposto tra l'edificio ed il bordo dello scavo di fondazione. La morte è avvenuta a causa della presenza di ferri di ripresa acuminati fuoriuscenti dalla fondazione.
Cassazione Penale, Sez. 4, 17 dicembre 2015, n. 2544: Responsabilità amministrativa dell'impresa
Responsabilità dell'impresa di cui al D.Lgs. 231/01, responsabilità penale per il reato di omicidio colposo, mancanza di adeguata formazione ed informazione dei lavoratori, mancata adozione di adeguate procedure di lavoro, mancata valutazione dei rischi spacifici nel POS dell'Impresa.
Cassazione Penale, Sez. 2, 22 dicembre 2015, n. 50185 - Formazione fittizia
Indebita percezione di contributi regionali, false attestazioni e mancata effettuazione dei corsi di formazione. Codannata anche l'Impresa in relazione all'illecito di cui all'art. 24 del D.Lgs. 231/01.
Cassazione Penale, Sez. 3, 12.11.2015, n. 45270 - Mancato pagamento della sanzione
Cosa succede se il datore di lavoro elimina le violazioni in materia antinfortunistica nel rispetto delle prescrizioni dell'organo di vigilanza ma non paga la sanzione pecuniaria?
Cassazione Penale, Sez. 3, 19 ottobre 2015, n. 41820 - Ruolo di vigilanza alta del CSE
Ruolo di vigilanza "alta" del Coordinatore per la Sicurezza in fase d'Esecuzione
Cassazione Penale, Sez. 4, udienza 10 luglio 2015, n. 38346 - Impresa familiare
Qualifica di datore di lavoro. Mancanza di DPI e POS.
Cassazione Penale, Sez. 4, 25 agosto 2015, n. 35534 - Infortunio mortale di un lavoratore autonomo
Omessa adozione di misure per il rischio di contatto con linee elettriche. Responsabilità del Committente.
Cassazione Penale, Sez. 4, 10 agosto 2015, n. 34701 - Caduta dal tetto di un lavoratore autonomo
Posizione di garanzia del committente per la morte del lavoratore autonomo addetto alla pompa del calcestruzzo
Cassazione Penale, Sez. 4, 25 febbraio 2015, n. 8531 - Omessa adozione del MOG ex D.Lgs.
Il tribunale di Varese ha ritenuto, senza alcuna verifica, sussistente un'ipotesi di malattia della durata superiore a 40 giorni necessaria per la commissione del reato di lesioni personali colpose di cui all'art. 590, comma 3 del C.P., addebitando erroneamente la responsabilità amministrativa prevista dal D.Lgs. 231/01.
Cassazione Penale, Sez. 4, 16 febbraio 2015, n. 6741 - Infortunio di un apprendista operaio
Quando si può parlare di condotta abnorme del lavoratore interruttiva del nesso causale
Cassazione Penale, Sez. 4, 27 gennaio 2015, n. 3809 - Responsabilità di un coordinatore
Il CSE deve svolgere il proprio compito sino a collaudo delle opere
Cassazione Penale, Sez. 4, 11 novembre 2014, n. 46437 - Caduta mortale
Responsabilità del rappresentante legale e del datore di lavoro di fatto dell'impresa per la morte del lavoratore impegnato nella trasformazione dei ponteggi: non si configura il comportamento abnorme del lavoratore per non aver indossato l'imbracatura, in quanto trattasi di attività connesse con il lavoro attribuitogli.
Cassazione Penale, Sez. 4, 10 novembre 2014, n. 46344 - Operaio edile precipitato da una tettoia
Operaio edile precipitato da una tettoia in vetro: non si configura il comportamento abnorme in quanto la condotta del lavoratore è riconducibile alle sue incombenze lavorative.
Cassazione Penale, Sez. 4, 15 ottobre 2014, n. 43168 - Ragazzino muore in cantiere
Il datore di lavoro e responsabile della sicurezza della ditta esecutrice è ritenuto responsabile della morte di un ragazzo introdottosi abusivamente nel cantiere durante l'orario di chiusura.
Cassazione Penale, Sez. Unite, 18 settembre 2014, n. 38343 - Thyssenkrupp
Corte di Giustizia Europea C-358/2012 del 10 luglio 2014: Appalti Pubblici e DURC
La Corte Europea di Giustizia ha ritenuto che, in materia di appalti pubblici, sia legittima la previsione contenuta nella normativa italiana dell’esclusione dalla procedura di aggiudicazione della gara, dell’impresa non in regola con il pagamento dei contributi previdenziali, una volta superata una determinata soglia, definita «grave», e cioè di importo superiore sia a 100 euro che al 5% delle somme dovute. Pubblicato sul sito Dottina per il Lavoro della DPL Modena - 11.07.2014.
Cassazione Penale, Sez. 4, 25 giugno 2014, n. 27615 - Infortunio mortale di un muratore
Infortunio mortale di un muratore per caduta dall'alto: condannati il datore di lavoro ed il direttore lavori che rivestiva anche l'incarico di Coordinatore e Responsabile dei Lavori.
Cassazione Penale, Sez. 4, 26 maggio 2014, n. 21241 - Infortunio mortale con una gru a torre
Operaio deceduto in un cantiere edile per il cedimento di una gru a torre manovrata da un operatore in assenza di efficace formazione: plurime responsabilità penali.
Cassazione Penale, Sez. 4, 07 aprile 2014, n. 15484 - Ruolo e responsabilità di un coordinatore
CSE ritenuto colpevole del delitto di lesioni colpose commesse con violazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro per non aver adeguatamente vigilato sul rispetto delle prescrizioni contenute nel PSC.
Cassazione Penale, Sez. 4, 31 gennaio 2014, n. 4968 - Delega di funzione
Nelle imprese gestite da società di capitali, gli obblighi inerenti alla prevenzione degli infortuni ed igiene sul lavoro, posti dalla legge a carico del datore di lavoro, gravano indistintamente su tutti i componenti del consiglio di amministrazione
Cassazione Penale, 07 novembre 2013, n. 44977 - Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione
Condannati datore di lavoro, RUP e Coordinatore in fase d'Esecuzione per infortunio ad un lavoratore che ha provocato l'amputazione del braccio sx.
Cassazione Penale, Sez. 4, 16 ottobre 2013, n. 42503 - Responsabilità amministrativa dell'Ente
Infortunio sul lavoro e responsabilità amministrativa della società ai sensi del D.Lgs. 231/2001  
Cassazione Penale, Sez. 3, 15 ottobre 2013, n. 42334 - Mancata esibizione documentazione
Responsabilità penale di un presidente di cooperativa per non aver esibito all'Ispettorato del Lavoro la richiesta documentazione relativa al rapporto di lavoro dei dipendenti.
Cassazione Penale, Sez. 4, 05 settembre 2013, n. 36398 - Responsabilità del committente
Morte di un lavoratore in un cantiere privato: mancata nomina di un direttore dei lavori e responsabilità del committente.
Cassazione Penale, Sez. 4, 22 luglio 2013, n. 31304 - Responsabilità dell'appaltatore
Mancata adozione del POS, conseguente omessa predisposizione di misure ed omesso coordinamento, rappresentano le violazioni che si pongono in relazione causale con l'evento per cui è processo.  
Cassazione Penale, 06 giugno 2013, n. 25134 - Totale mancanza di opere provvisionali
Condannato datore di lavoro di una impresa impegnata nella rimozione di una copertura in eternit, per aver causato la morte di un dipendente a seguito dello sfondamento di un lucernaio in vetroresina.
Cassazione Penale, Sez. 4, 24 aprile 2013, n. 18568 - Caduta dal terzo piano di un ponteggio
Responsabilità in appalto di lavori
Cassazione Penale, Sez. 4, 17 gennaio 2013, n. 2571 - Responsabilità di un preposto
Responsabilità di un preposto allontanatosi dal cantiere: inidoneità di una cinghia usata per lo scarico delle travi
Cassazione Penale, 15 gennaio 2013, n. 1856 - Responsabilità di un medico competente
Responsabilità di un medico competente perché non collaborava con il datore di lavoro e con il servizio di prevenzione e protezione alla valutazione dei rischi, anche ai fini della programmazione della sorveglianza sanitaria, all'attività di formazione e informazione nei confronti dei lavoratori per la parte di competenza e alla organizzazione del servizio di primo soccorso.
Cassazione Penale, Sez. 4, 16 maggio 2012, n. 18811 - Responsabilità di un gruista
Responsabilità di un gruista per colpa consistita in imprudenza e imperizia e, in particolare, nell'aver eseguito una manovra di sollevamento di carico di tubi di pvc, non adeguatamente imbracato, e agganciato alla gru unicamente da catene collegate alle reggette di contenimento del carico: in questo modo cagionava la morte di un lavoratore che restava colpito alla testa da un tubo di quel carico caduto per cedimento di una delle reggette.
Cassazione Penale, Sez. 4, 01 febbraio 2012, n. 4397 - Concorso di colpa dell'infortunato
Responsabilità del capo cantiere di una s.r.l. per il reato di lesioni colpose aggravate dalla violazione della normativa antinfortunistica in danno di un lavoratore. Sia in primo che in secondo grado viene riconosciuta la responsabilità dell'imputato e nello stesso tempo il concorso di colpa dell'infortunato nella misura del 50%.
Cassazione Penale, Sez. 4, 12 marzo 2012, n. 9466 - Lavori e caduta sui ferri di ripresa
Responsabilità di un datore di lavoro per infortunio occorso ad un lavoratore: secondo quanto ritenuto dei giudici di merito, la vittima si portava sulla sommità di un muro posto alla quota di circa 2,50 metri per eseguire lavori di scalpellamento, senza che fosse predisposto idoneo ponteggio e facendo uso soltanto di una scala a pioli.
Cassazione Penale, Sez. 4, 17 gennaio 2012, n. 1429 - Morte e responsabità costruttore del veicolo
Responsabilità del presidente del consiglio di amministrazione di una società svolgente attività di produzione di trattori ed in particolare di un veicolo di nome Tigrone, e del legale rappresentante di una società svolgente attività di commercio di macchine agricole, per infortunio mortale di un lavoratore. Ai predetti è stato rispettivamente contestato di aver costruito e posto in vendita il detto mezzo che non risultava rispondente alle disposizioni legislative e regolamentari in materia di sicurezza, in quanto privo di cabina di guida o quanto meno di telaio di sicurezza al fine di proteggere il conducente durante l'esecuzione delle manovre
Cassazione Penale, Sez. 3, 12 gennaio 2012, n. 626 - Prevenzione incendi e formazione nella gestione
Responsabilità del legale rappresentante di una società per non aver adottato le misure necessarie per la prevenzione incendi e l'evacuazione dei lavoratori e per non aver formato adeguatamente il personale incaricato di prevenzione incendi, di salvataggio, di pronto soccorso e comunque di gestione delle emergenze.
Cassazione Penale, Sez. 4, 22 dicembre 2011, n. 47798 - Caduta dall'alto e responsabilità di un CSE
Responsabilità di un coordinatore per la sicurezza per la morte del lavoratore che, durante i lavori di copertura di un capannone era precipitato dalla sommità ed era deceduto.  
Cassazione Penale, Sez. 4, 26 ottobre 2011, n. 38791 - Inidoneità del POS e mancata verifica del CSE
Responsabilità di un legale rappresentante e Presidente del Consiglio di Amministrazione di una s.r.l., dell'Amministratore delegato e Direttore Tecnico della suddetta società e del coordinatore per l'esecuzione dei lavori per il reato di omicidio colposo a seguito di infortunio sul lavoro a danno del dipendente.
Cassazione Penale, Sez. 6, 17 ottobre 2011, n. 37398 - Favoreggiamento commesso da due lavoratori
Responsabilità di due lavoratori di un'impresa edile per il delitto di favoreggiamento personale in beneficio del loro datore di lavoro: l'addebito per entrambi consiste nell'averlo aiutato ad eludere le investigazioni dell'autorità per il reato di lesioni colpose aggravate dalla violazione di norme antinfortunistiche
Cassazione Penale, Sez. 4, 11 ottobre 2011, n. 36612 - Morte per caduta dall'alto
Responsabilità per la morte di un lavoratore nell'ambito dei lavori di rifacimento del tetto di un capannone industriale.
Cassazione Penale, Sez. 4, 29 settembre 2011, n. 35412 - Ribaltamento carrello elevatore
Responsabilità del Presidente della cooperativa e del legale rappresentante della società (legati da un contratto di fornitura di servizi) per la morte di un lavoratore che, alla guida del carrello elevatore, ribaltandosi, rimaneva schiacciato.
Cassazione Penale, Sez. 4, 22 settembre 2011, n. 34439 - Ribaltamento dell'escavatore dentro l'acqua
Responsabilità di due soci accomandatari e legali rappresentanti di una s.a.s. per aver cagionato, uno di questi anche nella qualità di coordinatore per l'esecuzione del piano di sicurezza, il decesso di un dipendente rimasto vittima di un sinistro verificatosi mentre manovrava una pala meccanica per effettuare lavori sulle sponde dell'alveo di un fiume.
Cassazione Penale, Sez. 4, 09 settembre 2011, n. 33453 - Manutenzione macchina senza protezioni
Responsabilità di un datore di lavoro per lesioni colpose con violazione della normativa antinfortunistica ai danni di un lavoratore che, nel procedere alla manutenzione di una macchina, perdeva la falange di un dito che restava intrappolato in un ingranaggio.
Cassazione Penale, Sez. 4, 17 agosto 2011, n. 32142 - Responsabilità di un CSE
Responsabilità del coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione per aver cagionato lesioni personali gravi ad un lavoratore dipendente di un'impresa individuale che aveva ottenuto in appalto i lavori di ristrutturazione di una serie di fabbricati.
Cassazione Penale, Sez. 4, 14 luglio 2011, n. 27729 - Mancanza di opere provvisionali
Responsabilità di un datore di lavoro per omicidio colposo aggravato dalla violazione della normativa antinfortunistica in relazione al decesso del proprio dipendente, a seguito di una caduta al suolo dall'alto nel cantiere ove la vittima stava lavorando.
Cassazione Penale, Sez. 3, 15 giugno 2011, n. 23967 - Dirigente comunale responsabile di infortunio
Responsabilità del dirigente responsabile del Settore Tecnico in materia di sicurezza e igiene sul lavoro perché ometteva di munire i lavoratori impegnati in una lavorazione di guanti ed altri appropriati mezzi di protezione.
Cassazione Penale, Sez. 3, 17 maggio 2011, n. 19312 - Responsabilità di un committente
Responsabilità di un committente di lavori edili in corso di esecuzione sul tetto di un proprio immobile da parte di altra ditta, per lesioni personali colpose ad un lavoratore che, trovandosi sul tetto senza protezioni, cadeva al suolo.
Cassazione Penale, Sez. 4, 27 gennaio 2011, n. 2814 - Responsabilità RSPP
Responsabilità di un RSPP per il reato di omicidio colposo aggravato dalla violazione della normativa antinfortunistica in danno del lavoratore.
Cassazione Penale, Sez. 4, 4 novembre 2010, n. 38991 - Danni da amianto risponde tutto il C.d.A.
Della mancata predisposizione di idonee misure di protezione dai rischi provocati dall'amianto che hanno causato la morte di 11 operai nello stabilimento Montefibre di Verbania, è responsabile l'intero Consiglio di Amministrazione. A Verbania erano impiegati 3600 operai ai quali non fu data alcuna informazione sui rischi correlati alla presenza dell'amianto utilizzato in modo massiccio e non venne attuato nessun serio e radicale mutamento della situazione di rischio, nemmeno l'uso delle mascherine.
Cassazione Penale, Sez. 4, 11 agosto 2010, n. 31679 - Omessa indicazione dei rischi nel POS
Responsabilità del D.d.L. e del preposto di cantiere a seguito di un infortunio accaduto ad un lavoratore: il datore di lavoro deve avere la cultura e la forma mentis del garante del bene costituzionalmente rilevante costituito dall’integrità del lavoratore , e non deve perciò limitarsi ad informare i lavoratori sulle norme antinfortunistiche previste, ma deve attivarsi e controllare sino alla pedanteria che tali norme siano assimilate dai lavoratori nella ordinaria prassi di lavoro.
Cassazione Penale, Sez. 4, 16 marzo 2010, n. 10448 - Omissione di specifica valutazione rischi
Responsabilità dell'amministratore unico della s.r.l.  per il delitto di cui all'art. 589 c.p. perché, durante i lavori di demolizione e smantellamento, consentiva che essi si svolgessero senza preventivamente predisporre un dettagliato programma delle attività e della verifica statica delle strutture, con connessa valutazione dei rischi; inoltre senza disporre di puntellare le strutture prima dell'inizio dello smantellamento e senza informare i lavoratori dei rischi specifici relativi alla attività da svolgere; sicché, mentre il lavoratore effettuava lo smontaggio di un impianto di raffreddamento e stava tagliando con la fiamma ossidrica un tubo, veniva schiacciato dalla vasca dell'impianto e decedeva.  
Cassazione Penale, Sez. 4, 08 marzo 2010, n. 9203 - Dispositivi anticaduta
Responsabilità del titolare dell'impresa di costruzioni edili, per non essersi assicurato che, per l'esecuzione di lavori di manutenzione fossero adottate misure e/o attrezzature quali ponteggi o cinture di sicurezza con idoneo aggancio, atteso che il lavoratore dipendente  eseguiva il lavoro senza la presenza di qualsivoglia dispositivo anticaduta.  
Cassazione Penale, Sez. 4, 23 febbraio 2010, n. 7267 - Responsabilità del lavoratore
Avendo necessità di svolgere dei lavori ad altezza di circa 6 metri ed essendo il regolare mezzo di sollevamento già impegnato, l'operaio della ditta subappaltatrice posizionava un cestello sopra le forche di un muletto, facendosi sollevare verso il luogo di lavoro, ma a causa della instabilità del cesto, che si ribaltava, cadeva da un'altezza di circa cinque metri, battendo il capo in terra e decedendo per le gravi lesioni patite.  
Consiglio di Stato, 19 gennaio 2010, n. 178 – DURC: mancata regolarità contributiva
Il requisito della regolarità contributiva, essendo condizione di partecipazione alla gara, deve essere posseduto dall'impresa alla data di presentazione dell'offerta, a nulla valendo a tali fini una regolarizzazione successiva, seppure riconducibile retroattivamente alla data di scadenza dell'obbligazione di pagamento
Cassazione Penale, Sez. 4, 01 dicembre 2009, n. 45931 - Delega di funzioni
Responsabilità per omicidio colposo di un legale rappresentante di una spa, subappaltante, e del datore di lavoro della vittima - il lavoratore era deceduto a seguito della caduta di un carico di oggetti metallici del peso di circa 250 kg. che, sganciatosi mentre veniva spostato con sistemi inidonei a mezzo di una gru, l'aveva investito al capo (privo di casco protettivo) cagionandone la morte.
Cassazione Penale, Sez. 3, 20 novembre 2009, n. 44890 - Responsabilità del delegato alla sicurezza
Responsabilità di un dirigente comunale, delegato dal sindaco, per infortunio occorso a lavoratore, il quale - incaricato di eseguire la pulizia e smerigliatura di una ringhiera - era stato attinto da una scheggia di ruggine penetratagli in un occhio in quanto non era stato munito di occhiali idonei a proteggere gli occhi da schegge e materiali dannosi e non aveva ricevuto una adeguata informazione sui pericoli connessi alla propria attività lavorativa.  
Cassazione Penale, Sez. 4, 23 ottobre 2009, n. 40886 - Responsabilità di datore e preposto
Responsabilità del titolare di una ditta di pulizie e del preposto della stessa, esecutrice di lavori di verniciatura della parte esterna in lamiera del magazzino aziendale sul quale insistevano alcuni lucernari in vetroresina trasparente ad un'altezza di circa 4 metri da terra, in cooperazione tra loro, per colpa consistita in negligenza, imprudenza, ed imperizia, nonché per inosservanza delle norme sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro, avevano cagionato lesioni personali gravi ad un lavoratore dipendente.
Cassazione Penale, Sez. 4, 23 ottobre 2009, n. 40865 - Lavori in quota
Responsabilità del legale rappresentante di una s.n.c.. per colpa generica e per colpa specifica consistita nella violazione delle norme antinfortunistiche: aveva consentito o comunque non impedito che il lavoratore P. V. eseguisse lavori di demolizione di un tetto a circa 10 metri d'altezza senza usare i mezzi di protezione messi a sua disposizione e, nello specifico, che lavorasse senza essere agganciato ad una cintura di ritenuta che ne impedisse la caduta nel vuoto.
Back To Top